L'esperienza di Francesca

45572528_284836465490148_411080867612459008_n

Quest'anno per il mio compleanno ho voluto regalarmi una vacanza speciale: una settimana in un posto da sogno in Kenya, scoprendo scuole del posto e cercando di dare un piccolo contributo nel poco tempo a mia disposizione. Ho programmato il tutto con poco anticipo, quindi quando dall'Associazione Child to Child for Africa mi hanno detto che potevo cominciare il mio viaggio alloggiando presso il Mama Lorenza's Vocational Centre, mi sono sentita ovviamente sollevata sapendo di avere un punto di riferimento in un luogo completamente nuovo, ma anche curiosa di conoscere le attività del centro e chi lo animava. Così a febbraio ho riempito la mia valigia di quanti più colori, forbici e cartoncini possibili e sono partita per il Kenya con l'intenzione di fare qualche atelier creativo con i bambini del posto e ovunque ne avrei trovato l'occasione.
Arrivata al Mama Lorenza's Vocational Centre, mi è bastato varcare la soglia per coglierne l'atmosfera di accoglienza e condivisione che vi regnava, e percepire la cura con cui tutte le attività venivano svolte. Appena aperto il portone, un gruppo di decine di ragazze dalle gonne meravigliosamente colorate, con al centro la direttrice Jane, mi ha accolto cantando e ballando, fino ad accompagnarmi nella mia stanza. Nei giorni seguenti Jane e Anna Laura, una giovane collaboratrice italiana, mi hanno simpaticamente guidata raccontandomi della vita del centro e del percorso di crescita che ogni ragazza vi compieva al suo interno, arrivando dai villaggi più poveri generalmente con una certa timidezza e sfiducia, e uscendone forte e fiduciosa delle proprie capacità con una formazione da sarta o da estetista.
Quello che mi ha colpito di più durante i tre giorni trascorsi al centro è l'impegno e la tenacia che le ragazze mettevano nello svolgere il loro percorso formativo, così come la positività, l'energia e l'organizzazione delle persone che lavoravano al suo interno. Durante le ore serali, le ragazze si radunavano davanti al televisore per ascoltare le news dal mondo e a fine giornata tornavano nelle aule, dove dedicavano un po' di tempo alla pratica facendosi le treccine a vicenda, cucendo e studiando le nuove tecniche apprese. È stato simpatico conoscere le ragazze proprio durante questi momenti, mi hanno accolto con molta gentilezza, timide e insieme divertite e fiere di mostrarmi le loro abilità (eccezionali!) direttamente sulla mia testa.
Nei giorni successivi ho alloggiato in un ostello sulla costa immerso nella natura, e lo staff del centro mi ha aiutata a visitare delle scuole elementari, in cui poi ho potuto dare degli atelier creativi ad alcune classi di meravigliosi bambini, e lasciargli un po' di materiale artistico. Ho avuto la fortuna anche di tornare al centro per dare un mini laboratorio alle ragazze, che hanno scoperto la tecnica dei bigliettini pop-up con uno stupore inaspettato.
Grazie all'aiuto dell'associazione e delle persone che ho incontrato posso dire di aver trascorso una vacanza stupenda, davvero speciale ed arricchente, all'insegna della condivisione e della volontà di crescere e migliorarsi insieme. Grazie!

Francesca Martinelli

 

Da vivere
Il Natale è alle porte!

Fondazione Child to child for Africa, c.p. 354, CH-6965 Cadro
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2018 Child to Child for Africa - by Meraviglioso.ch - Privacy