• Home
  • Progetti in Kenya

Progetti in Kenya

  • Contesto

    La nuova Costituzione del paese (2010) cerca di rimediare alla tradizionale esclusione delle donne e promuove il pieno coinvolgimento in ogni aspetto della crescita e dello sviluppo, al fine di radicare l’eguaglianza di genere. Nel contesto della visione a lungo termine del Kenya di diventare un paese a reddito medio industrializzato entro il 2030, inoltre, due dei dieci settori chiave su cui si concentra la strategia includono l'artigianato e il training professionale. Il settore di prodotti in pelle e cuoio offre un'importante opportunità per l'industrializzazione e la diversificazione delle esportazioni, in quanto i punti di forza della lavorazione della pelle riguardano la presenza di abbondante bestiame, la disponibilità di forza lavoro e la presenza di concerie funzionanti. Il settore informale è in continua crescita, come lo è anche il numero di designer e la classe media è in aumento: tutti elementi che favoriscono la nascita di realtà simili alla nostra.

    Malgrado il settore turistico abbia subito un importante calo nel corso degli ultimi anni, si sta riprendendo aprendosi anche a un target più giovanile rispetto a quello conosciuto in passato.

     

    Obiettivo

    L’obiettivo specifico del progetto riguarda l’avvio di una iniziativa imprenditoriale femminile, che mira ad assumere le studentesse che terminano il biennio di studi al Mama Lorenza’s Vocational Centre, offendo loro la possibilità di impiego in un ambiente sicuro in cui tutti i loro diritti di lavoratrici e di donna vengono rispettati, beneficiando inoltre di continui training e di una formazione di qualità.

    Dedicato a ragazze bisognose aventi il diploma delle scuole primarie, per le quali generalmente non sono presenti grandi possibilità di impiego locali, e con lo scopo di promuovere l’empowerment femminile, mira a rendere le ragazze autosufficienti, capaci scegliere e fiduciose di sé stesse, cercando di sradicare quegli aspetti culturali che prevalgono all’interno delle istituzioni micro, come per esempio la famiglia, che negano lo spazio e al possibilità alle donne di apportare potenziali cambiamenti trasformativi. Inoltre, creando posti di lavoro, contribuisce a diminuire il tasso di povertà e quello della disoccupazione.

     

    Intervento

    • Costruzione e allestimento di una laboratorio dedicato alla produzione Emèl
    • Training e formazione dello staff di produzione Emèl
    • Ideazione, produzione e realizzazione di due linee Emèl fatte a mano e di alta qualità, una di cotone e una di pelle
    • Vendita in loco: in collaborazione con l’azienda Rift AFrica di Nairobi, il 1 novembre 2019 è stato aperto un punto vendita a Diani Beach, all’interno del Diani Shopping Center
    • Vendita online in Europa (in fase di realizzazione)

     

    Torna su 

  • Contesto

    La comunità internazionale ha ribadito l’importanza della formazione e istruzione di buona qualità per il miglioramento delle condizioni di vita delle persone, delle comunità e intere società. Il nuovo obiettivo di Sviluppo Sostenibile, l’obiettivo 4, va oltre l’istruzione primaria dei bambini, evidenziando in particolare il legame tra istruzione di base e la formazione professionale. Inoltre, sottolinea l’equità e la qualità dell’istruzione in un approccio di apprendimento per tutta la vita. Mira a garantire che tutti abbiano accesso all’istruzione e formazione adeguate alle loro esigenze e al contesto in cui vivono, soprattutti i soggetti più vulnerabili. 

     

    Obiettivo

    Favorire l’istruzione professionale femminile a giovani ragazze provenienti da situazioni di disagio fino all’ottenimento del diploma, lavorando costantemente sull’empowerment femminile e fornendo contemporaneamente supporto psicologico, in un ambiente sicuro e protetto.

     

    Intervento

    Nel 2011 si è inaugurato il centro per la formazione professionale femminile Mama Lorenza’s Vocational Centre, progettato dagli architetti ticinesi Aurelio Galfetti e Carola Barchi e diretto da Jane Mwaka.
    Il centro ospita ogni anno 64 studentesse e ha uno staff composto da 12 persone, tutte locali.


    Formazione offerta:

    • Corso biennale in Sartoria e lavorazione della pelle
    • Corso biennale in Parrucchiera e estetista 


    Tutte le studentesse seguono inoltre corsi di informatica, di management, di life skills, di cucina, svolgono attività fisica e aiutano nella coltivazione dell’orto, situato all’interno del centro.  Con ognuna di loro vengono fatte costantemente sedute di counseling, favorendo l’acquisizione di una propria autonomia, dignità e di potere decisionale.

    Al termine del biennio sostengono gli esami nazionali NITA, ottenendo un diploma riconosciuto, necessario ad inserirsi nel mondo del lavoro. Alla maggior parte delle studentesse viene offerta un’opportunità di tirocinio. Il 78% delle ragazze uscenti trova immediatamente lavoro.

    L’istituto è registrato presso il Ministero della Gioventù, in quanto entità che supporta la formazione professionale di giovani kenioti e presso il TVET Authority.

     

    Sostenibilità

    Con lo scopo di rendere il centro auto sostenibile, abbiamo avviato delle attività generatrici di reddito:

    • Coltivazione di frutta e verdura 
      Sia per uso interno e sia destinata alla vendita
    • Allevamento di polli
      Sia per uso interno e sia destinato alla vendita
    • Produzione di pane 
      Sia per uso interno e sia destinato alla vendita, grazie all'ottenimento del certificato KEBS (Kenya Bureau of Standars) 
    • Corsi brevi per la comunità 
      Corsi brevi di informatica, sartoria base e estetista destinati a donne e uomini della comunità, durante i mesi di vacanze scolastiche
    • Showroom 
      Piccolo negozio dove vengono venduti di oggetti realizzati dalle studentesse del dipartimento di sartoria e pelle
    • Saloon 
      Salone di bellezza aperto alla comunità
    • Certificato per esami NITA 
      Siamo un centro certificato per ospitare giovani kenioti di altri istituzioni a svolgere i loro esami NITA 

     

     

    Torna su 

  • Contesto

    Siamo attivi da diversi anni in quattro villaggi rurali: Jaribuni e Makombeni, nella contea di Kilifi e Majoreni e Mwamose, nella contea di Kwale. 

    I quattro contesti, pur essendo variegati ed ognuno con le proprie caratteristiche, presentano tratti comuni: famiglie numerose e spesso mono-genitoriali, tasso ancora molto alto di analfabetismo, scarsa collaborazione di gruppo e povertà diffusa, misurata in termini di accesso all’acqua, al cibo, all’istruzione, alle cure mediche e allo scarso igiene.

     

    Obiettivo

    Riduzione della povertà, educazione e istruzione, sostegno alimentare alla famiglia dove necessario, promozione della salute e sostegno ai genitori nella crazione di attività generatrici di reddito.

     

    Intervento

    • Inserimento dei bambini nelle scuole, tramite adozioni a distanza
    • Sostegno alimentare 
    • Incontri di pianificazione familiare, educazione all’igiene, empowerment femminile e diritti dei minori 
    • Visite domiciliari  
    • Avvio di attività generatrici di reddito con i genitori, che monitoriamo tramite incontri mensili o bimensili

     

    Torna su 

  • PROGETTO TERMINATO

     

    La scuola di Waa è una scuola pubblica frequentata da oltre 700 bambini ed è situata nella periferia di Mombasa. 
    Si sono constatate le condizioni disastrose degli edifici e le malsane condizioni in cui i bambini erano costretti a studiare e a vivere. 

     

    Obiettivo

    Ristrutturare la sezione femminile della scuola primaria di Waa. Favorire l’istruzione scolastica e proteggere, accogliere e assistere le minori vittime di abusi, di matrimoni precoci o rifiutate dalle famiglie di origine.

     

    Intervento

    Fase 1

    Lavori di manutenzione: dormitori, lavanderia, cucina, latrine, pozzo e tubature che consentono l’uso di acqua corrente.

    Fase 2

    Raggruppamento di una trentina di ragazze grazie a segnalazioni da parte degli uffici locali, di età compresa tra gli undici e i sedici anni, vittime di abusi e violenze, matrimoni precoci o rifiutate dalle famiglie di origine e avvio di attività di empowerment femminile quali:

    • Inserimento scolastico alla scuola primaria di Waa 
    • Riabilitazione e sostegno psicologico 
    • Assistenza medica 
    • Organizzazione di attività extra scolastiche e di empowerment femminile

    Torna su 

  • PROGETTO TERMINATO

     

    Obiettivo

    Supporto ad un gruppo di famiglie di Ukunda, trasferitesi sulla costa in cerca di fare fortuna con il turismo, con gli obiettivi di riduzione della povertà, educazione e istruzione e promozione della salute.

     

    Intervento

    Con i bambini:

    • Inserimento nelle scuole locali tramite adozioni a distanza
    • Organizzazione di attività ludico ricreative, principalmente durante le vacanze scolastiche, organizzate da volontari
    • Controlli medici trimestrali in collaborazione con un medico locale

    Con gli adulti:

    • Incontri con su tematiche quali prevenzione di malattie, pianificazione familiare, empowerment femminile
    • Corsi di alfabetizzazione svolti dai volontari
    • Microcredito
    • Sostegno nella realizzazione di attività generatrici di reddito

     

    Torna su 

Fondazione Child to child for Africa, c.p. 365, CH-6928 Manno
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2020 Child to Child for Africa - by Meraviglioso.ch - Privacy